Vai all'archivio notizie categoria L'Eco Fuori dal coro

Covid burocrazia

Burocrazia, l’Italia che nessuno vuole

  25/05/2020 — Di Antonio Grassi

Covid+burocrazia

Appeso all'ingresso della farmacia un cartello avvisa: «Arrivati saturimetri». Mi fermo. Entro. Lo compero. Esco. Mi sorge il dubbio: a cosa mi serve?...siamo alla Fase 2.  Alzo le spalle: non si sa mai. Poi è detraibile dalle tasse. 

Mi blocco. Mi appare nitido il nemico. La tenia, la zavorra.

Non si sa mai, è lui il  figlio di puttana che ci fotte.

È il migliore alleato della burocrazia, della pubblicità e di molte categorie professionali. È il peggior avversario dei cittadini incolpevoli e inconsapevoli. È un virus speciale. Un bastardo asintomatico che non genera anticorpi.   

Si compera il cacciavite a stella in offerta perché non si sa mai. Si paga il Caf o il commercialista per una denuncia dei redditi elementare perché non si sa mai. Si chiede al proprio medico la prescrizione di 25 esami di laboratorio inutili per una tracheite perché non si sa mai. La necessità è un optional.

Veniamo bastonati, ma tacciamo. Vogliamo uscire dal gregge, ma non ci spostiamo. Vogliamo decidere, ma rimandiamo. Attendiamo sempre il momento più giusto, che è successivo a quello giusto. Aspettiamo Godot. Non si sa mai.

L' Italia è la patria del diritto e del non si sa mai, genitore del paraculismo e del rimpallo delle responsabilità. Dell'immobilismo. Della mancanza di coraggio. Delle convergenze parallele di Aldo Moro.  Della pretesa di godere dei diritti da reduci di guerra ancora prima di partire per il fronte.

In provincia il non si sa mai è la morta gora.

Con l'emergenza covid-19 il non si sa mai si è fatto istituzione. È mutato in decreti, ordinanze, circolari esplicative, linee guida, precisazioni delle precisazioni, Faq produttrici di altre Faq.  Un moto perpetuo esasperante per i cittadini e gli amministratori pubblici.  

Se prima della guerra al virus la burocrazia era fastidiosa, ora è pervasiva. Arrogante. È spirale che risucchia. Piano inclinato scivoloso in fondo al quale c'è il baratro.  

La burocrazia è regime democratico, che già è una contraddizione. 

È il comma 22 della repubblica Italiana. «Chi è pazzo può chiedere di essere esentato dalle missioni di volo, ma chi chiede di essere esentato dalle missioni di volo non è pazzo». 

È il despota che rende i cittadini automi, insicuri, indifesi.  È la dittatura dei burocrati. Eccessivo dittatura? Probabile. È l'Italia che nessuno vuole. Ma che nessuno cambia.

Dall'archivio L'Eco Fuori dal coro

  giovedì 2 aprile 2020

L'Eco Fuori dal Coro

Pensieri in libertà su Covid-19

  venerdì 17 aprile 2020

Colosso di Rodi con i piedi d’argilla

Il mito della sanità lombarda è stato disintegrato dall'attacco del covid-19

  sabato 23 gennaio 2021

Salute ed economia

Un difficile (ma non impossibile) equilibrio

  venerdì 15 gennaio 2021

ATS, via da Mantova, si può

È giunta l'ora del dialogo provinciale per cogliere l'assist di Letizia Moratti

Rimani informato!